RSS

Networking Alternativa

05 Mar

rete

Gruppo Networking

Ver. 05 Marzo 2013

“Agire localmente e pensare globalmente”

“Noi con gli altri, a servizio, per costruire con gli altri”

“Non facciamo rete stando tra di noi, ma mettendoci a servizio delle realtà che si muovono nella stessa nostra direzione”

“C’è lavoro per tutti, ognuno può fare qualcosa per il progetto”

“Impegno volontario, sostenibile ma misurabile”

“I militanti di Alternativa attivi in Internet perché capaci di fare rete”

“Obiettivo: formare 50 animatori territoriali (o tematici)”

Obiettivi:

  • Fare rete, attraverso l’acquisizione di competenze tecniche e lavorando insieme.
  • Aumentare le competenze di rete delle singole unità locali.
  • Ogni gruppo locale dedica inizialmente una persona (e poi lo estende ad un gruppo più ampio) per creare la presenza in rete del gruppo locale stesso.

Per fare questo servono tre strumenti:

– un blog locale, – una pagina facebook (intestati al gruppo e con marchio Alternativa); – e numerosi account Twitter collegati alle singole persone (aderenti al progetto).

I contenuti rispettano lo schema 1/3 – 1/3 – 1/3:

un contenuto di Alternativa territoriale, un contenuto di Giulietto Chiesa (o Alternativa nazionale, Megachip, ecc.) ed un contenuto da realtà “amiche”.

Gli strumenti a marchio Alternativa sono controllati da Alternativa, le persone vi operano in ampia libertà ma nel rispetto delle regole di comportamento fissate da Alternativa (chi scrive lo fa a nome di Alternativa).

In ogni caso l’amministratore di ogni canale a marchio Alternativa è un membro dell’ufficio centrale.  Anche perché Alternativa ha la responsabilità legale dei contenuti divulgati da ogni suo canale.

A livello centrale operano i canali di Giulietto Chiesa, Megachip ed il sito di Alternativa.

I canali centrali producono materiale informativo e politico di tipo generale a valenza nazionale.

I gruppi locali rilevano le istanze del territorio in cui vivono e su queste producono contenuti e fanno circolare anche i contenuti provenienti da altre realtà “amiche” territoriali, con l’obiettivo di far diventare la pagina un elemento “importante” per il territorio di cui si occupano.

Le realtà locali rispetto ai contenuti prodotti dal centro hanno degli obblighi di diffusione.

L’obiettivo è disporre di metriche che – una volta concordate – devono essere assolutamente rispettate (quantità di materiale prodotto, numero di persone raggiunte…).

Dal centro verso la periferia e le periferie in competizione tra di loro, possono continuamente confrontarsi sugli obiettivi che stanno raggiungendo.

Tra il centro e la periferia il patto è che i canali centrali valorizzano le notizie ed iniziative importanti prodotte dal locale (e ovviamente viceversa).

Accanto ai gruppi locali si costituiscono gruppi tematici, con la stessa logica dei gruppi locali (un responsabile, i tre strumenti, il monitoraggio e le metriche).

La struttura nel suo complesso ha dei momenti di formazione per l’avvio e momenti di confronto periodici (utilizzando skype, hangout, ecc.) in modo da verificare l’evoluzione del progetto, il rispetto delle regole e le forme per potenziarlo.

Obiettivo di ciascun gruppo è sempre di favorire l’iterazione con le altre entità affini (es. se mi occupo di moneta cerco il collegamento con altri blog che si occupano dello stesso tema), per diventare forti insieme agli altri.

Obiettivo è valorizzare le risorse interne e di valorizzare il confronto con le realtà che operano su linee affini alle nostre (es. Alba, CSP, MDF, ecc.).

Tutti i gruppi locali e tematici si impegnano ad organizzare eventi pubblici (fisici) dove si stimola la partecipazione, valorizzando la presenza di realtà affini (che sono in rete con il gruppo), (valutare l’utilizzo di strumenti quali hangout e streaming per allargare la partecipazione oltre la presenza fisica).

Impegno: la produzione di un contenuto settimanale sul blog locale ed enne contenuti sulla pagina FB, riguardanti iniziative locali proprie e amiche.

Il responsabile locale deve garantire la regolarità e la quantità concordata di contenuti, sia auto prodotti che tratti dal contesto locale (pubblicata in modo regolare, negli orari più efficaci, ecc.).

Ciò implica un lavoro di scouting quotidiano sulla rete per scovare i fatti e le notizie che interessano il livello locale.

Le pagine locali hanno come amministratore generale un responsabile centrale (login di admin) che ha il potere di espellere chi non rispetta le regole.

L’orizzonte temporale è di 12 mesi, conclusi i quali si potrà valutare se passare alla Fase B del progetto e cioè usare questa forza dei territori e della rete per obiettivi esplicitamente elettorali.

– – – ° – – –

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 marzo 2013 in Uncategorized

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: