RSS

I nuovi cleavage politici

05 Nov

Sappiamo bene che destra e sinistra sono cose dell’altro secolo.

Il prospetto seguente evidenzia in prima approssimazione gli spartiacque della nuova politica, ciò contro cui è necessario ed inevitabile combattere: 

Noi: Contro di noi:
1. Bene comune e beni comuni La barca è troppo piccola; va tutelato il bene privato; primato di economics sulla politica e sulla società
2. Diversa crescita Crescita del PIL; crescita dei consumi, crescita export; tagli al welfare; riduzione deficit; ridurre le emissioni inquinanti senza compromettere la crescita.
3. Comunità Globalismo da flaneur; internazionalismo da villaggio turistico; familismo amorale; esasperazione degli aspetti identitari e dell’appartenenza etnica, centralismo statale.
4. Nonviolenza Giustificazione della violenza nella risoluzione delle controversie; esaltazione della forza fisica prevaricante le idee; difesa preventiva secondo il modello Israele.
5. Pensare geo-politico Provincialismo italico; ignoranza e negazione degli interessi economici degli altri paesi e del loro posizionamento strategico; fiducia nella NATO e nel ruolo USA di gendarme internazionale; illusione che la moltitudine cancelli gli stati; FMI e WTO svolgono finalità di aiuto ai paesi poveri.
6. Sovranità monetaria Difesa dello status quo bancario; difesa dell’autonomia delle banche centrali; lotta all’ingerenza della politica in finanza; irrilevanza della regolazione delle transazioni finanziarie; la moneta è un fatto tecnico.
7. Giustizia come benessere ed impegno Giustizia distributiva; pari opportunità; libertà individualistica, la società non esiste; visione assistenzialistica dello Stato, risentimento verso chi ha successo nelle opere, giustizialismo.
8. Visione forte e laica dello Stato Stato “minimo” che cede il governo ai “mercati” o all’opposto visione sacrale, militarista, dirigista ed autarchica dello Stato; difesa del monopolio sindacale, del parassitismo nel pubblico impiego e dell’assistenzialismo. Complicità con le mafie, tolleranza del lavoro nero e dell’evasione fiscale.
9. Europa: necessità e vocazione Europa come male necessario, burocrazia inutile e costosa; da sfruttare per ottenere finanziamenti; i problemi dell’Italia sono solo dell’Italia; visione caricaturale dei paesi europei o all’opposto: l’Europa delle banche, l’Euro da salvare ad ogni costo.
10. Promuovere l’intrapresa L’impresa come male necessario, serve solo a distribuire redditi; quindi va iper regolata e tartassata fiscalmente; confusione tra il fare impresa e il fare finanza, difesa degli interessi delle grandi multinazionali.
Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 novembre 2010 in dodici punti

 

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: